Mattia Denti

Basso, nato a Piacenza, ha studiato con Gabriella Ravazzi debuttando nel 2001 come Pistola in Falstaff  al Laboratorio lirico Spazio Musica di Genova e perfezionandosi poi con i M° Vaglieri e Macripò. Ha inoltre preso parte a dei master class presieduti da Enzo Dara, Daniela Dessì e Fabio Armiliato.

Nel 2004 ha debuttato internazionalmente interpretando i ruoli del Barone di Trombonok nel Viaggio a Reimse di Lucio Silano nella Vestale di Mercadante al Wexford Opera Festival.
Ha debuttato poi presso l’ Opèra de Nice nel Dottor Granvil in Traviata sotto la direzione di Marco Guidarini.

Nelle stagioni successive ha cantato presso il Comunale di Bologna in Traviata con la direzione del Maestro Daniele Gatti. Ha preso poi parte al Peter Grimes nei Teatri di Modena, Reggio Emilia e Ferrara con la direzione di Alistar Dawes e la regia di Cesare Lievi.
Ancora presente in Traviata al Teatro Valli di Reggio Emilia; al Teatro Verdi di Trieste, dove ha cantato nel Mondo della Luna di Paisiello diretto da Bressan con la regia di Gino Landi. In una produzione di Carmen con la Fondazione Toscanini, sia a Vigoleno che in Teatro a Savona, con la regia di Beppe de Tomasi e la direzione del maestro Kovatchev. Ancora Traviata alla Fenice di Venezia, a Wiesbaden, a Pechino, ad Ascoli per la Fondazione Jesi e al Teatro alla Scala e poi l’Arlesiana al teatro Sociale di Mantova.
Ha debuttato con ottima critica i ruoli di Sparafucile in Rigoletto, Commendatore in Don Giovanni, Tom in un Ballo in maschera, Simone in Gianni Schicchi, Zio Bonzo in Madama Butterfly e Gran Sacerdote in Nabucco.
Ha cantato nella Traviata e in The Gambler al Teatro alla Scala con la direzione rispettivamente dei maestri Montanaro e Barenboim; Boris Goudonov al Teatro alla Fenice con la direzione del maestro Inbal, Semyon Kotko al Teatro Lirico di Cagliari, Un Ballo in maschera al Teatro Verdi di Salerno e ancora Traviata in tournée a Tokyo col Teatro Regio di Torino.
Nelle ultime stagioni ha nuovamente cantato Falstaff al Teatro Regio di Parma all’interno del Festival Verdi ed in concomitanza con la riapertura del Teatro Farnese (DVD); ha debuttato in Andrea Chenier con l’orchestra Verdi di Milano, Otello (Lodovico) al Teatro la Fenice di Venezia con la regia di Francesco Micheli e la direzione del maestro Chung(DVD). Gianni Schicchi (Betto) al Teatro del Maggio Musicale Fiorentino.
Nella stagione 2012 ha preso parte alla produzione di Don Giovanni (come cover del Commendatore) andata in scena al Teatro alla Scala come apertura della stagione con la regia di Carsen e la direzione del maestro Barenboim.
Dal 2013 gli ultimi impegni sono stati un fortunato Nabucco (Zaccaria) al Teatro Lirico di Cagliari con la regia di Leo Muscato e la direzione del maestro Renzetti e a Parma con la regia di Daniele Abbado e la direzione dei maestri Palumbo e Ciampa; una lunga collaborazione con la Fenice di Venezia per numerose recite di Traviata (regia di Carsen). Ha cantato sempre con la Fenice in Giappone per una importante produzione di Otello poi ripresa anche al Palazzo Ducale ; della città di Venezia. È stato poi il Gran Inquisiteur de  Lisbone nell’ Africaine, sempre a Venezia, Traviata alla Staatsoper di Monaco di Baviera e Timur all’ Opéra de Nice, dove è poi tornato la stagione seguente per una produzione di Traviata.
Nel 2015 veste nuovamente i panni di Zaccaria (Nabucco) presso la stagione estiva del teatro di Kiel e nuovamente Zaccaria al Pavarotti di Modena e Municipale di Piacenza al fianco di Nucci e Pirozzi, con strepitoso successo di pubblico e critica, in una produzione diretta dal maestro Sisillo con la regia di Stefano Monti.

Ha preso parte ad una produzione di Bohème (Colline) al Teatro Municipal di San Paolo in Brasile.
Ha vestito nuovamente i panni di Zaccaria, ha preso parte allaproduzione della Wally (Pedone) a Piacenza, Modena e Reggio Emilia, Attila (Leone)eTannhauserin Fenice a Venezia. Rocheford in una nuova produzione di Anna Bolena al Teatro alla Scala; Fiesco in una nuova produzione del Teatro di Piacenza e Ravenna, ha debuttato Oroveso (Norma) al Filarmonico di Verona nella produzione di De Hana con la direzione del Maestro Ciampa, Tom alla Fenice in apertura di stagione in una nuova produzione con la regia di Aliverta e la direzione del Maestro Chung. Don Basilio nel Barbiere di Siviglia sempre alla Fenice, con la direzione del Maestro Montanari. Riprenderàla stessa produzione sempre in Fenice nel periodo da agosto ad ottobre 2018.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *